Project Description

poster-mostra-001PARTNER – Si inaugura sabato 13 ottobre, alle ore 16.30 la nuova mostra promossa dal Comune di Lu in collaborazione con l’Associazione Libera Mente – Laboratorio di Idee. La mostra fotografica personale di Mario Marchesini racconta attraverso 15 gigantografie in bianco e nero un’epoca di paesaggi e motori, a cavaliere tra Europa e America settentrionale.

Mario Marchesini con la mostra “Fotografie 1968- 2018” è il quarto Artista che partecipa al progetto “Arte, Scuola e Comunità” finanziato dalla Fondazione SociAL. Prosegue, quindi, il percorso iniziato nel 2018 proponendo un altro modo di interpretare l’arte per interessare e stimolare la creatività del territorio e dei giovani studenti della scuola primaria “don Rinaldi” che parteciperanno allo speciale workshop organizzato dall’artista nei giorni della mostra.

“La mostra di Mario Marchesini propone un percorso di Fotografie scattate in cinquanta anni. Offre uno spaccato di immagini che vanno dalle auto da corsa, vera e propria passione, ai panorami, tutte contraddistinte dal bianco e nero e dall’analogico,” commenta Fabrizio Priano, presidente dell’associazione Libera Mente. “Per Marchesini la fotografia è una passione che inizia fin dall’infanzia e lo accompagna per tutta la vita, passione che traspare attraverso le immagini e che abbinata ad una grande tecnica regala fotografie bellissime e dotate di anima.”

“Macchine veloci, mare, montagne, ponti: lo sguardo di Mario Marchesini racconta di tanto viaggiare e soprattutto di tanto osservare: osservare il mondo e le sue architetture; osservare la velocità immortalata in un click su d’un rullino,” conclude Michele F. Fontefrancesco, sindaco di Lu.

“Le quindici gigantografie che completano questa nuova esposizione non sono solo il frutto di un’esperienza e due lustri di appassionato lavoro fatto dietro ad un obbiettivo afferrando il kayros per raccontare al pubblico di momenti speciali, di attimi da non dimenticare. Sono soprattutto un invito per tutti noi a riscoprire la capacità di osservare, di trovare la bellezza e il significato di ciò che si apre davanti ai nostri occhi, di fare di nuovo nostra la capacità di stupirci scoprendo in ogni piccolo dettaglio il frammento di una storia, di un ragionamento, di un nuovo percorso che da lì si apre.”

La mostra sarà aperta fino al 9 novembre presso la sala consiliare di Lu, via Colli 5 con i seguenti orari di apertura: lunedì, mercoledì, venerdì, sabato 9.00 – 12.30; martedì, giovedì 9.00 – 12.30 e 15.00 – 16.30. L’ingresso è gratuito.