Project Description

64893023_1233524956827776_58827359599460352_nBANDO 2018 – L’agricoltura sociale è nata sulla base della necessità di lavorare sulla diversificazione e la creazione di reddito per le imprese, ottenendo al contempo ricadute positive in termini di inclusione sociale sulle comunità rurali. Il progetto “Agro Comune”, promosso da PIAM e sostenuto da Fondazione SociAL nell’ambito del Bando 2018, vuole analizzare la sostenibilità di un mercato di beni agricoli comuni, realizzando, con metodo scientifico, una analisi dei meccanismi di domanda relativa ai prodotti agricoli provenienti da realtà sociali. Il progetto si pone quindi come obiettivo la creazione di una proposta di gestione di un mercato agricolo sociale che coinvolga gli attori produttori e i consumatori sociali in un’ottica di sostenibilità economico-finanziaria.

Spesso le realtà legate all’agricoltura sociale sono caratterizzate da una strutturale debolezza economica e finanziaria, dovuta alla piccola dimensione, alle problematiche connesse alla logistica, alla distribuzione e all’assenza di figure interne con competenze amministrative utili a restare stabilmente sul mercato. Inoltre, tali imprese sono spesso prive di strumenti (ri)assicurativi che possano garantire, anche in caso di annate non favorevoli, la sostenibilità nel tempo dell’impresa. Il sommarsi di questi fattori rischia di portare ad un sensibile aumento dei costi fissi di produzione e all’obbligo per le imprese di dover fissare livelli dei prezzi al di sopra del prezzo di concorrenza. Una ulteriore ed indesiderabile conseguenza è che tali prezzi rischiano di tener fuori da questo circuito virtuoso di scambi le realtà sociali che, percependo contributi pubblici, sono obbligate a rendicontare gli acquisti dei prodotti alimentari entro i limiti di costi standard piuttosto rigidi.

PIAM elabora dunque un modello e una prassi economica di scambio, utili ai piccoli produttori sociali, che permetta la creazione di reti solide di mercato, di meccanismi assicurativi che possano compensare la variabilità intrinseca nelle produzioni agricole, le difficoltà di comunicazione e una corretta gestione degli adempimenti aziendali.

PIAM (Progetto Integrazione Accoglienza Migranti) si occupa di accoglienza ed integrazione degli stranieri che arrivano in Italia in seguito a situazioni di guerra, persecuzioni e discriminazioni razziali. Dal 2000 si occupa di donne vittime di tratta e di violenza di genere, con particolare attenzione alle persone che si prostituiscono. L’obiettivo è aiutarle a sganciarsi dal racket della prostituzione, facilitandone la piena inclusione.

SITO – Piam Onlus

FB –  Piam Onlus Asti