Project Description

 

Il sostegno della Fondazione alessandrina alle realtà che s’impegneranno per progettare risposte ai bisogni sociali e culturali. Il Bando 2014 valorizzerà la creazione di reti tra le organizzazioni, la promozione e lo sviluppo delle capacità manageriali e l’innovazione sociale<

ALESSANDRIA – 500 mila euro a disposizione dal 1 luglio 2014. E’ questa la cifra che la Fondazione SociAL, anche quest’anno, intende destinare alle organizzazioni del Terzo Settore che s’impegneranno per progettare risposte ai bisogni sociali e culturali del territorio.

lavoro-computer-quadrata“Il perdurare della critica situazione economica e sociale del nostro Paese sollecita interventi di carattere strutturale e sistemico nella presa in carico di domande e bisogni”. Queste sono le parole con cui la Fondazione SociAL ribadisce le premesse alla sua intera attività e all’emanazione di questo secondo Bando. “L’educazione e la promozione culturale, così come la prevenzione e il contrasto al disagio sociale e sanitario – continuano dalla Fondazione – rimangono le 2 aree di intervento privilegiate per SociAL.

Già dagli incontri di formazione che SociAL ha organizzato in collaborazione con la Fondazione Sodalitas di Milano durante la primavera di quest’anno, è apparso chiaro come l’intenzione sia quella di promuovere più nettamente alcune caratteristiche nei progetti: la creazione di reti tra organizzazioni, la promozione e lo sviluppo delle capacità manageriali e l’innovazione sociale saranno aspetti che godranno di una particolare attenzione in fase di valutazione. “Le organizzazioni del Terzo Settore – spiegano dalla Fondazione – si trovano a fronteggiare difficoltà non solo nel progettare i loro interventi, ma anche nell’analizzare i bisogni e nell’individuare gli utenti dei loro servizi. Per questo motivo la conoscenza del territorio e la collaborazione con gli altri soggetti che vi operano diventano prerequisiti essenziali per elaborare risposte efficaci ai bisogni della comunità, chiamata essa stessa a rendersi protagonista della propria ripresa anche attraverso la valorizzazione della “cittadinanza attiva” e il conseguente avvicinamento delle persone al volontariato organizzato.

Non mancano, inoltre, alcuni elementi di novità nel nuovo bando: la possibilità di presentare un solo progetto per capofila e la riduzione del contributo massimo per progetto a 30mila euro sottolineano la chiara volontà da parte della Fondazione di stimolare l’innovazione attraverso l’ampliamento del numero di soggetti finanziati, oltre che la possibilità di rispondere ad un numero maggiore di bisogni.

To match feature FINANCIAL-ITALY/POORSono tutt’ora in fase di realizzazione i 21 progetti finanziati dal Bando SociAL 2013: la “Tavola Amica” della Caritas, il Last Minute Market in versione alessandrina (un progetto di recupero e distribuzione delle eccedenze alimentari), spazi di aggregazione sociale in aree a rischio, il dormitorio femminile, attività e strumentazioni di supporto a terapie mediche e psicologiche e mezzi di trasporto, sono alcuni dei risultati che le erogazioni di SociAL hanno già prodotto in termini di risposta ai bisogni socio-culturali del territorio.
Poco più di 230mila euro (dei circa 430mila stanziati lo scorso anno) sono già stati erogati alle realtà del Terzo Settore che stanno realizzando progetti per un valore complessivo di poco superiore ai 2 milioni di euro. I progetti dello scorso anno rispondevano, per la maggior parte (l’84.3% dei casi), ad esigenze di carattere socio assistenziale. Il 14% circa stanno rispondendo ad esigenze miste tra il sociale e il culturale. Meno del 2% dei progetti finanziati lo scorso anno rispondono a esigenze di carattere esclusivamente culturale.
Con l’intento di comunicare in modo ancora più trasparente l’attività di SociAL, il sito della Fondazione, a breve, ospiterà note di avanzamento lavori sui singoli progetti.

Saranno ammesse al cofinanziamento da parte della Fondazione SociAL tutte le organizzazioni del Terzo Settore (cooperative sociali, associazioni di volontariato, imprese non profit, ONG, …). I soggetti capofila dei progetti presentati, che da quest’anno potranno essere titolari di una sola domanda, potranno avvalersi della partecipazione di enti pubblici.

Le organizzazioni che intendono presentare la richiesta di contributo dovranno registrarsi nella apposita sezione del sito della fondazione (http://rol.fondazionesocial.it) e seguire la procedura proposta. La scadenza del bando è prevista per il 30 settembre 2014.

Per ulteriori informazioni, oltre che far riferimento al portale della Fondazione www.fondazionesocial.it, è possibile rivolgersi alla Segreteria della Fondazione scrivendo a info@fondazionesocial.it o chiamando il numero 0131.222474.