Project Description

img_8211-e1524826486712

ALESSANDRIA – “Nel dono c’è la libertà dell’uomo”. La frase che piaceva a Giovanni Carpené, il ‘papà’ della StrAlessandriadiventa simbolo dell’edizione 2019.
La grande corsa della città, che si prepara per la 24a edizione, si correrà il 10 maggio con la volontà di dare gambe e cuore alla cultura del dono, che è generosità, attenzione, partecipazione, libertà, condivisione. Anche per questa edizione, la StrAlessandria vuole unire le molte sponde di Alessandria.
Dal Meier a piazza della Libertà, il percorso è lo stesso del 2018, in tutto cinque chilometri e 200 metri. Ma molte le novità, anche la doppia maglietta. Una dedicata alla StraRagazzi, giochi e percorsi sportivi per gli alunni delle materne e delle primarie, la mattina del 9 maggio, al campo scuola: l’immagine l’hanno creata gli alunni della 3C Cavour, che hanno vinto il concorso promosso da Ics, con Comune, Ufficio scolastico territoriale e Il Piccolo. Anche il logo della StrAlessandria è nato dalla creatività degli studenti, in particolare di Martino Olivieri della 3 Archiomede2 della Manzoni, insieme a compagne e compagni

Le partenze, la sera del 10 maggio, saranno tre: la competitiva alle 20.20, la non competitiva alle 20.30, e in testa ci sarà di nuovo il gruppo della Borsalino, lo striscione di #SiamoBorsalino davanti a tutti, e se l’anno scorso era un appello forte per la sopravvivenza, quest’anno è simbolo della presenza convinta e dei progetti futuri di un simbolo, salvato, dell’identità alessandrina. Terzo via per tutti quelli che parteciperanno con gli animali di adozione, in particolare con i cani: che avranno anche loro la tshirt, richiesto il guinzaglio, non la museruola, lungo il percorso ciotole con l’acqua, posizionate da Ascom.

Sulle gambe della StrAlessandria corrono sempre progetti di cooperazione. Tre quelli sostenuti con il ricavato dell’edizione 2019: Artiviamoci, i laboratori in carcere e il riconoscimento della presenza e del ruolo di due ‘quartieri’ della città, San Michele e Don Soria, dove vivono oltre 650 persone. Oltre confine la scuola in Malawi e ‘Gambe per correre, braccia per giocare‘ in Tanzania, dove opera il dottor Carlo Origo con la sua équipe, quet’ultimo progetto finanziato (6mila euro) dall’associazione Apsara, che entra così nella squadra dei sostenitori di StrAlessandria, anche nel ricordo di Giovanni e Onesta Carpené. C’è anche un quarto intervento: l’acquisto di calzature professionali per il gruppo comunale di Protezione Civile, che ha un ruolo molto importante la sera della corsa.

Continuate a leggere su AlessandriaNews